Percorso

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Lo zucchero.

E' ricavato principalmente dalla canna da zucchero (coltivata nei paesi caldi come Antille, America centrale, America del sud, India, Filippine, Formosa, in alcune parti di Africa e Australia) e dalla barbabietola. Per molto tempo lo zucchero fu un prodotto di lusso, raro e costoso fino a che, nel 1747, il chimico tedesco Andreas Sigsmund Maargraf -di Berlino- riusci a dimostrare la presenza e ad estrarre saccarosio dalle barbabietole. Alcuni decenni dopo, il suo allievo francese Franz Karl Achard ideò un processo industriale idoneo all'estrazione.

Si ricava zucchero anche da altri vegetali, dai cereali, dalla frutta, dall'uva ecc. E' alla base della pasticceria, delle confetture, degli sciroppi, delle conserve ecc. Nel bar si usa in due modi; semolato fine per zuccherare bevande calde, caffè, thè, ecc, normalmente in bustine e liquido, chiamato comunemente sciroppo di zucchero per addolcire le  bevande fredde e nei cocktails.

Preparazione: portare quasi ad ebollizione 1/2 litro d'acqua e versateci dentro 1 Kg. di zucchero, mescolate bene e lentamente fino a che il composto non diventi quasi trasparente, se ha delle impurità filtrate il tutto e lasciate raffreddare. Versate poi in un contenitore (a me piace usare bottiglie in vetro -quelle dei liquori precedentemente lavate e preparate) e conservate in frigorifero. Si conserva anche due settimane ma controllate sempre che alla sommità non si presentino tracce di muffe. Se il preparato è con zucchero bianco non influirà con il colore della preparazione. Se avete preparato lo sciroppo con zucchero di canna grezzo -quindi marrone- state attenti al risultato finale del colore del cocktail. Se volete aromatizzare lo sciroppo potete aggiungere cannella o vaniglia nella bottiglia e queste o altre spezie rilasceranno un po' del loro aroma al preparato. Potete avvalervi anche dell'uso del miele che diluito con un po' d'acqua è anche un interessante addolcitore di preparazioni miscelate.

Per gli sciroppi di frutta affidatevi a quelli comunemente in commercio, sono più equilibrati e con caratteristiche di conservazione migliori degli artigianali. Sciroppo di granatina (melograno), di fragola, di orzata, di ciliegia, ecc non possono mancare per arricchire le nostre preparazioni. Ricordatevi comunque che, se preparate artigianalmente qualcosa, la salute del cliente è la prima cosa da salvaguardare. Se avete anche solo il minimo dubbio sulle vostre preparazioni di sciroppi ecc. non usateli. 

 

 

Aggiungi commento