Sab, Nov 17, 2018

La passione al servizio dei clienti

Per chi ama questo lavoro sa che un sottofondo musicale è molto importante e nella maggior parte dei casi, la professione, viene svolta in ambienti con musica;  lounge, ambience, hip hop, house o quant’altro. Per ascoltare un po’ di musica -emozionale-  vi consiglio di vedere questo sito ad opera di un musicista eccezionale che ho la fortuna di poterlo avere come amico. AMEMANERAMusica 300

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

foto-cocktail

 

...un po' di storia...

(estratto da https://it.wikipedia.org/wiki/Sex_on_the_Beach)

La storia del Sex on the Beach è, come quella di molti cocktail, piuttosto nebulosa da definire. Durante gli anni settanta l'uso della vodka ebbe una grande impennata fra i consumatori americani[4]; inoltre, verso la fine del decennio, cominciarono ad essere importati i primi Peach Schnapps. Fu dunque fra gli anni '70 e gli anni '80 che cominciarono ad essere creati i primi cocktail fruttati, basati principalmente sul Cape Codder e il Tequila Sunrise[3], ma non venne creato nessun cocktail contenente la parola sex, poiché ritenuto sconveniente nei locali statunitensi. Una delle ricette che ebbe più successo fu la formula descritta dalla nota guida "Mr. Boston's", chiamata anche Peach on the Beach . Durante lo spring break del 1987, a Fort Lauderdale, la National Distribution, un'azienda di distribuzione di liquori, indisse un concorso per sponsorizzare il peach schnapp. Ted Pizio, allora barman al Confettis, mescolò il liquore di pesca con vodka, succo d'arancia e di cranberry, ottenendo grande successo fra gli avventori. Quando Ted chiedeva la ragione per cui molti giovani venivano in florida per lo spring break, le risposter erano beach (spiaggia) e sex (sesso): decise di chiamare il cocktail dunque Sex on the Beach.[5]

Un'altra versione dell'origine del nome vuole che il coktail si chiamasse in origine "Fun on The Beach": In Europa, era giunta già all'inizio degli anni ottanta la versione "Boston's", ma in quel periodo il midori non era facilmente reperibile: con l'arrivo della versione semplificata, il cocktail si affermò velocemente anche nel vecchio continente, ma mutando il nome, il quale non doveva più sottostare ai moralismi americani[6].

Il Sex on the beach (in italiano sesso sulla spiaggia) è un cocktail alcolico internazionale riconosciuto ufficialmente dalla International Bartenders Association a base di vodka.

Personalmente penso che l'aumento delle richieste di questo cocktail sia fortemente legato all'arrivo in Europa della prima serie di SEX IN THE CITY dove le protagoniste si ritrovavano al bar a sorseggiare questo cocktail così come il COSMOPOLITAN.

SEX ON THE BEACH       Ricetta e Video  (mia personale interpretazione della ricetta)

 

Longdrink  Ricetta ufficiale International Bartenders Association - International ...

  • 4 cl Vodka

  • 2 cl Peach schnapps

  • 4 cl Cranberry juice

  • 4 cl Orange juice

Inserire tutti gli ingredienti in un bicchiere highball con ghiaccio e mescolare bene. Guarnire con fetta d'arancio e fantasia.

 

Pixel


 

Aggiungi commento