Sab, Nov 17, 2018

La passione al servizio dei clienti

Per chi ama questo lavoro sa che un sottofondo musicale è molto importante e nella maggior parte dei casi, la professione, viene svolta in ambienti con musica;  lounge, ambience, hip hop, house o quant’altro. Per ascoltare un po’ di musica -emozionale-  vi consiglio di vedere questo sito ad opera di un musicista eccezionale che ho la fortuna di poterlo avere come amico. AMEMANERAMusica 300

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

....i clienti, i nostri amici.   Cliente

Chi decide di entrare in un locale deve, prima di tutto, ricevere gratitudine da parte di chi lavora nel locale stesso. Qualunque cosa stia facendo il barman dovrà salutare con un tono di voce non alto, ma che si noti, questo fa si che chi sta entrando, inconsciamente, stia pensando di aver fatto bene. Le motivazioni per entrare in un locale sono; un po' di appetito, la voglia di un drink, uno stacco dal lavoro o gustare un momento di relax in compagnia. Qualunque sia la motivazione elencata o no, sarà compito degi addetti soddisfare queste aspettative con i prodotti, il servizio e cose più importante,  personalità e garbo. Se il barman è occupato, frasi del tipo "...un minuto e sono da lei.." darà l'idea della nostra attenzione nei suoi riguardi. Se è libero consiglierà il tavolo porgendo i listini o menù lasciando poi il tempo al cliente di acclimatarsi. Ricordatevi che un sorriso apre molte porte. Un atteggiamento positivo e ben disposto è indispensabile per la riuscita del servizio. Quando si prende l'ordine frasi come "...cosa bevete?..." o "..cosa prendete?.." sono da evitare, preferibili e con un certo stile "...cosa possiamo preparare per voi?" oppure "...cosa gradite che vi prepari?". Il barman deve porsi sul piano del padrone di casa che ha invitato degli amici, quindi cercherà di farli trovare sempre a proprio agio. Mai e poi mai quell'aria di superiorità (che purtroppo ho visto tante volte) da parte del barman che pensa di sapere tutto. Attenzione però, a non eccedere al contrario. Il barman sta svolgendo il suo lavoro in cambio di una contropartita (lo stipendio) ma non è il servo di nessuno. Servizievoli nei confronti dei clienti ma non servili. Oggigiorno renderebbe ridicoli anche se proprio di questi tempi, la necessità di un lavoro porta, talvolta, ad accettare imposizioni lavorative veramente deprecabili. Una preparazione nei tempi necessari, rapida, e un servizio preciso completeranno l'operazione. A chi piace veramente questo lavoro, tornando al banco dopo aver servito i clienti si sentirà orgoglioso di se stesso (non deve trasparire), e il simpatico è che questo succede molte volte nell'arco della giornata.

Per il servizio è utile seguire le regole della ristorazione, sempre (se  possibile) dalla destra e non toccando i bicchieri nella loro parte alta. Non siamo sicuri di avere sempre le mani perfettamente pulite . Ricordiamoci sempre che siamo in palcoscenico e il cliente (anche se non sembra) nota tutto quello che si sta facendo. Agli attori di teatro non sono concessi errori; deve essere " buona la prima".

Un'altra cosa, quando noi siamo clienti da qualche parte, abbiamo piacere di ricevere le stesse attenzioni che stiamo dando ai nostri "invitati". Immaginiamoci come ci farebbe piacere essere serviti e operiamo nella stessa maniera. Parlando sempre di un servizio serio e rigoroso, sicuramente sarà ben accolto ed avremo lasciato un segno  molto positivo.

 

Aggiungi commento